header_image

Your search results

Proverbi piemontesi

foto_autunno_309

– UART DA ‘BEL GENAR!

GUARDATI DA UN BEL MESE DI GENNAIO

– GENAR SUT, TANTI FRUT

GENNAIO ASCIUTTO, TANTI FRUTTI

– EPIFANIA TUTTI ‘I FESTI LA PORTA VIA;

– I RIVA L’CARVA’ TUTTI ‘L FESTI AL TOUMA MNA’

EPIFANIA TUTTE LE FESTE PORTA VIA

CARNEVALE TUTTE LE FESTE TORNA A PORTARE

– BUTA NEN AL CAR DNAN AI BO

NON METTERE IL CARRO DAVANTI AI BUOI

– SENSA GELUSIA L’ AMUR AL VOLA VIA

SENZA GELOSIA, L’ AMORE VOLA VIA

– FIOCA PAR AL GRAN, PAR AL VEG AL PASTRAN

NEVE PER IL GRANO, PER IL VECCHIO IL PASTRANO

neve1

– BON SEGN QUAND C’AL MAL AL DA’ ‘N FEURA

BUON SEGNO QUANDO LA MALATTIA SI MANIFESTA ESTERIORMENTE

– DNE’ E PCA’ NUN I SA’

DANARI E PECCATI NESSUNO LI SA

– TROT D’ ASU AL DURA POC

TROTTO D’ ASINO DURA POCO

– FA I DEBIT AS TETTA PAGALI AS CREPPA

A FARE I DEBITI SI POPPA, A PAGARLI SI CREPA

– CHI C’VANSA PAR ADMAN, AL VANSA PAR AL CAN

CHI AVANZA PER DOMANI, AVANZA PER IL CANE

– I POVAR J’AN SEMP TORT

I POVERI HANNO SEMPRE TORTO

– BEIVI, MANGIA’ E RUSA’, TUT A STA’ A CMINSA’

BERE, MANGIARE E LITIGARE, TUTTO STA AD INIZIARE

– BSOGNA NEN RUBA’ PAR FA’ LIMOSNA

NON BISOGNA RUBARE PER FARE ELEMOSINA

– QUAND CHE ‘L MASNA’ I STAN CITU, MAL SEGN

QUANDO I BAMBINI STANNO ZITTI E’ UN BRUTTO SEGNO

boy026

– PANSA VEUJA LA RASON – A NEN

PANCIA VUOTA NON RAGIONA

tavola1

– VISSI D’ GIOVENTU’RA I MEN-U PREST AN SEPULTURA

I VIZI DI GIOVENTU’ PORTANO PRESTO IN SEPOLTURA

– LA VACA, FORSSA D’ MONSTA AL RESTA MAC PIU’ I PEC

A FORZA DI MUNGERE LA VACCA, LE RESTANO SOLO I CAPEZZOLI

mucche

– CHI C’AL MARCIA PER LA VRITA’, AL RESTA MAI ANGAMBARA’

CHI CAMMINA PER LA VERITA’, NON S’ INTRALCIA MAI

– AL BONI PAROLI I ROMPU MAI I DENC

LE BUONE PAROLE NON ROMPONO MAI I DENTI

– DONA SULA AN T’NA CA’ LA FA TUT, DU’ POC, TREI NEN DAL TUT

UNA DONNA SOLA IN CASA FA TUTTO, DUE POCO, TRE NIENTE

– FEU E CIAR, MESA CUMPANIA

FUOCO E LUME, MEZZA COMPAGNIA

candela

– LA ME MAMA, LA ME CA’: PAN E SA

LA MIA MAMMA, LA MIA CASA : PANE E SALE

casa

– GALIN-I E PUVERTA’ PREST ANRASSA’

GALLINE E POVERTA’ FANNO RAZZA IN FRETTA

03

– AL BONI PAROLI I ROMPU MAI I DENC

LE BUONE PAROLE NON ROMPONO MAI I DENTI

– CHI FA, FALA

CHI FA, SBAGLIA

– BRUT AN FASSA, BEL AN PIASSA

BRUTTO IN FASCE, BELLO IN PIAZZA

– PAR AVEI, VANTA CIAMA’

PER AVERE, BISOGNA CHIEDERE

– MAG SUC, GRAN PAR TUT

MAGGIO ASCIUTTO, GRANO DAPPERTUTTO

– PONTA LAUT S’AT VEURI ‘MBROUCA’ GIUST

PUNTA ALTO SE VUOI IMBROCCARE GIUSTO

– L’E’ BON – A QUAND C’AS PEUR CUNTASI

E’ BUONA – VA BENE- QUANDO LA SI PUO’ RACCONTARE

– VARDLU BEN, VARDLU TUT, L’OM SENSA DNE’ CME’ CA L’E’ BRUT

GUARDALO BENE, GUARDALO TUTTO, L’ UOMO SENZA SOLDI COM’E’ BRUTTO

– VAR PU’ IN TESTIMONI D’VISTA, CHE SENT D’ SENTIA

VALE PIU’ UN TESTIMONE DI VISTA CHE CENTO DI SENTITA

– PIASI’ E SAGRIN CME’ NA NUA DA MULIN

PIACERI E DISPIACERI COME UNA RUOTA DA MULINO

– I DEBIT AI SON CME’ I CUNIN

I DEBITI SONO COME I CONIGLI, FIGLIANO FACILMENTE

– CANTA LA RAN-A, PIEUVA NEN LUNTAN-A

CANTA LA RANA, PIOGGIA NON LONTANA

– LA GIOUVENTU’ L’E’ LA BLESSA D’ASO

LA GIOVENTU’ E’ LA BELLEZZA DELL’ ASINO

– OGNA SET AGN AS CAMBIA GUST

OGNI SETTE ANNI SI CAMBIA GUSTO

– SUCHI E MLON, OGNI ROBA A LA SO STAGION

ZUCCHE E MELONI, OGNI COSA ALLA SUA STAGIONE

– CIAMA’ ‘L FA NEN PECA’

DOMANDARE NON FA PECCATO

– CHI CA L’A’ PAU DAL DIAU, AL FA MIA D’ROBA

CHI HA PAURA DEL DIAVOLO, NON FA ROBA

– CHI LENGUA ‘N BUCCA A L’A’, A RUMMA ‘L VA

CHI HA LA LINGUA IN BOCCA – PER PARLARE – A ROMA VA

– UARTI DAI MEIS CON L’ ERRE

GUARDATI DAI MESI CON LA ERRE

– OGNI USE’ L’ AMA ‘I SO NI’

OGNI UCCELLO AMA IL SUO NIDO

– SCUA NOVA LA RAMASA BEN LA CA’

SCOPA NUOVA RAMAZZA BENE LA CASA

– CHI L’E’ NEN BON TAIASSI J’ONGI DAL DU MAN, L’E’ NEN BON GUADAGNASSI ‘LPAN

CHI NON SA TAGLIARSI LE UNGHIE DELLE MANI, NON SA GUADAGNARSI IL PANE

– BAT AL FER ANTANT C’A’ L’E’ CAUD

BATTI IL FERRO INTANTO CHE E’ CALDO

– SENSA GELOSIA, L’AMOUR AL VOLA VIA

SENZA GELOSIA, L’ AMORE VOLA VIA

– VENTA SENTI’ AL DU CAMPAN – I

BISOGNA SENTIRE LE DUE CAMPANE

– MNESTRA CA L’E’ NEN DA MANGIA’, LASLA CHEUSI

MINESTRA CHE NON E’ DA MANGIARE, LASCIALA CUOCERE

– LA VEGIA D’ VALENSA LO C’LA FA ‘, AL LO PENSA

LA VECCHIA DI VALENZA, QUELLO CHE FA LO PENSA

– CAR CME’ ‘L FEU

CARO COME IL FUOCO

– NEN SAVEJ DI DUI

NON SAPERE DIRE DUE

– CU’NTALA DALA RAMA A LA RADIS

CONTARLA TUTTA, DAL RAMO ALLA RADICE

– DONA BELA , MES PAN

DONNA BELLA, MEZZO PANE

– ANTRAII NE’ PAR US, NE’ PAR FINESTRA

ENTRARCI NE’ PER USCIO NE’ PER FINESTRA

– AVEI LA SCUFFIA, LA LUN-A PAR TRAVERS

AVERE LA CUFFIA, LA LUNA PER TRAVERSO

– SCAPALA PAR NA MAJA RUTTA, PAR MASCANZEGN

SCAMPARLA PER UNA MAGLIA ROTTA, A MALAPENA

– MARCIA’ SCAUS E SEMNA’ FOND, L’A’ MAI FAC NUN RIC AL MOND

CAMMINARE SCALZI E SEMINARE FONDO NON HA MAI FATTO NESSUNO RICCO AL MONDO

– TRA NORA E MADONA, NEN IN URA BONA

TRA NUORA E SUOCERA, NON UN’ORA BUONA

– A CIAME’ S DIJU CHE E S’PERD MAI GNENTE

NON SI PERDE NULLA A CHIEDERE

– LA VAR PU NA PIEUVA A LA SO STAGION, CH’EL CAR DAL RE FARAON

VAL PIU’ UNA PIOGGIA A SUA STAGIONE, CHE IL CARRO DEL RE FARAONE

– QUAND CHE MAL A L’A’ D’ANDA’, FIN-A AL GALIN-I I VAN FA FORA D’CA

QUANDO DEVE ANDARE MALE, PERSINO LE GALLINE VANNO A FARE LE UOVA FUORI DI CASA

– T’EISS LA LENGUA SOT NA PIANELA , T’AVRISTI NEN TANTA CIARAMELA

SE TU AVESSI LA LINGUA SOTTO UNA PIASTRELLA, NON AVRESTI TANTA CHIACCHERATA

– ‘SAT VEURI ‘N CAN DA CAS-A, PIILO D’RAS-A

SE VUOI UN CANE DA CACCIA, PRENDILO DI RAZZA

– CHI TROP TIRA, SCIANCA LA FILA

CHI TROPPO TIRA, STRAPPA IL FILO

– CHI NON STUDIA PORTA LA BRENTA, CHI TROP STUDIA MAT DIVENTA

CHI NON STUDIA PORTA LA BRENTA, CHI STUDIA TROPPO MATTO DIVENTA

– VARDTI DA COUL CHE QUAND C’AL PARLA AS VARDA ‘L SCARPI

GUARDATI DA COLUI CHE QUANDO TI PARLA SI GUARDA LE SCARPE

– LASSA ‘NDA’ L’ ACQUA A LA VALA’

LASCIA ANDARE L’ ACQUA ALLA VALLATA

– AL VIN AL PARA VIA I FASTIDDI

IL VINO SCACCIA I CRUCCI

– AI SON NEN ASSE’ TREI B: BRAVA, BELA, BON-A; AI VEUR IDNE’

NON BASTANO TRE B: BRAVA, BELLA, BUONA; CI VOGLIONO I SOLDI

– PAR DONA ANNAMORAIA , NUN-A PORTA L’E’ SARAIA

PER UNA DONNA INNAMORATA, NESSUNA PORTA E’ CHIUSA

– SVIGIA NEN AL CAN CH’AL DROM

NON SVEGLIARE IL CANE CHE DORME

– PONTA IAUT S’AT VEURI ‘MBROCA’ GIUST

PUNTA IN ALTO SE VUOI IMBROCCAR GIUSTO

– POLENTA, POLENTA’ PANSA PIN-A MAL DISNA’

POLENTA, POLENTATA, VENTRE PIENO, MAL PRANZATO

– QUAND CHE ‘N TAULA A J’E’ POC PAN, AL TO’ TENTLU ‘N MAN

QUANDO IN TAVOLA C’ E’ POCO PANE, IL TUO TIENILO IN MANO

– GOLA AFAMAIA, VITA DISPERAIA

GOLA AFFAMATA, VITA DISPERATA

– PONTA AOT S’AT VEURI ‘NBROCA’ GIUSTO

PUNTA ALTO SE VUOI IMBROCCAR GIUSTO

– RUSIA  DI  CIO’

RODERE  DEI  CHIODI

– RISPONDI  PICHI

RISPONDERE  PICCHE

– CON  NA  FAVA  AS  CIAPA  DOI  CLOMB

CON  UNA  FAVA  SI  PIGLIANO  DUE  COLOMBI

– BORSA  E  DONA  A  NUN  I  VAN  MOSTRA’

BORSA  E  DONNA  A  NESSUNO  VAN  MOSTRATI

– LA GATA CA L’AVA PRESSA L’A FAC I GATIN BORGNU

LA GATTA CHE AVEVA FRETTA HA FATTO I MICINI CIECHI

– PARENT E PIUEVA, TREI DI’ LA NEUIA

PARENTI E PIOGGIA, DOPO TRE GIORNI ANNOIANO

– QUAND CHE LA VULP L’A’ MIA D’GALIN-I, LA MANGIA I GRIL

QUANDO LA VOLPE NON HA GALLINE, MANGIA I GRILLI

– MEI CAP CHE CUA

MEGLIO CAPO CHE CODA

– QUAND CHE ‘L TEMP SA SLARGA PAR MESDI’, AL PIUEV PU’ PER TUT AL DI’

QUANDO IL CIELO SI ALLARGA A MEZZOGIORNO, NON PIOVE PIU’

– SACH FURA’ AL TEN NEN GRAN

SACCO BUCATO NON TIENE IL GRANO

– BOTA D’AVRI’ L’AMPIS NEN AL BARI’

GEMMA D’ APRILE NON RIEMPIE IL BARILE

– CHI C’ LA’ ‘L FEU’ DEN, BSOGNA CH’AL MANDA FORA LA FUM

CHI HA IL FUOCO DENTRO, BISOGNA CHE MANDI FUORI IL FUMO

– AS CIAPA PU PREST IN BUSIARD CHE ‘N SOP

SI PRENDE PIU’ IN FRETTA UN BUGIARDO CHE UNO ZOPPO

– LA SALATA LA VA ROUJA’ DAL PU’ FOL D’LA CA’

L’ INSALATA VA RIVOLTATA DAL PIU’ PAZZO DELLA CASA

– AT SEMINI ‘L SPIN-I E T’VOURI NEN CA T’ FURU?

SEMINI LE SPINE E NON VUOI CHE TI PUNGANO?

MENU