header_image

Your search results

Oviglio

Posted by admin on 11 Giugno 2015
| 0

La storia:

Il comune di Oviglio ha origini molto antiche. Denominato Oville e Uvilla dagli antichi occupanti liguri, il borgo seguirà sempre la storia del suo castello. Per volere dell’ imperatore Corrado I Oviglio entrò a far parte di un contado incluso nelle terre del monastero di San Pietro in cile d’ oro di Pavia. Comune aderente alla Lega lombarda , partecipò alla fondazione di Alessandria e nel 1204 fu donato dal marchese del Monferrato ai marchesi di Incisa. Esattamente duecento anni dopo Oviglio fu distrutto dalle truppe di Facino Cane. Nel 1513 il dominio del borgo passò nelle mani di Gerolamo Perboni, autore dell’ opera morale Opus Uviliarum.  L’ ultimo discendente dei Perboni decise di vendere il castello a Maria Cristina di Borbone, vedova del re Carlo Felice. Oggi il castello appartiene alla famiglia Damiano, che ha allestito al suo interno una mostra permanente di mobili.

Gli edifici:

Castello:  Nell’ 850 l’ imperatore Corrado I  lo donò al monastero pavese di San Pietro in ciel d’ oro, mentre nel 1193 l’ imperatore Enrico decise di concederlo a Bonifacio, marchese del Monferrato, dal quale passò ben presto al marchese d’ Incisa. Nel 1367 il castello è controllato da Filippo Maria Visconti, mentre nel 1498 Filippo Fieschi   ne è il nuovo proprietario. Nel 1782 il castello passa ai marchesi Marengo di Rorà, che un secolo più tardi lo venderanno alla regina  Maria Cristina di Borbone, vedova di Carlo Felice. Oggi il castello di Oviglio appartiene alla famiglia Damiano.

Chiesa parrocchiale: Dedicata ai Santi Agata e Felice, è in stile tardo-romanico. Il campanile risale alla metà  del Quattrocento.

Commenti

MENU