header_image

Your search results

Motivi di una decisione..

Posted by admin on 13 Febbraio 2013
| 0

Dopo aver preso la decisione di andare a vivere in campagna e di aprire un’azienda, bisogna pensare a cosa veramente vogliamo dedicarci, dobbiamo scegliere se occuparci della terra oppure degli animali, oppure di entrambi.

Sono soprattutto dei giovani ad aprire queste aziende ma comunque tutti, devono seguire dei passi : scegliere che cosa voler produrre, avere un progetto da presentare se bisogna chiedere un prestito in banca oppure allo Stato, pensare al tipo di produzione se tradizionale o biologico, scegliere la vendita diretta legarsi a qualche consorzio, abbinare alla produzione anche il confezionamento dei prodotti e tanto altro.

Inoltre se si progetta di aprire un allevamento, allora nelle vicinanze della casa bisogna costruire le stalle e i recinti, creare quindi una fattoria proprio come un tempo.

Un altro elemento importante soprattutto per i giovani, sono i consigli che possono dare i vecchi contadini, che magari, hanno studiato molto meno, ma hanno anni e anni di esperienza e conoscono quel territorio e il loro potenziale meglio di qualsiasi libro o manuale.

Una volta partiti con il progetto, si instaura un rapporto fortissimo tra l’uomo e la sua terra o i suoi animali, lavorare in campagna è molto duro, significa svegliarsi presto al mattino, rinunciare alle vacanze, essere pronti a molti sacrifici, lottare contro il freddo, le piogge, le grandinate e la siccità. Ma alla fine le soddisfazioni sono immense, poter sentire il profumo e il gusto di quello che produciamo, spesso con il solo aiuto della natura, vedere le piante che crescono, i frutti che maturano, oppure gli animali che nascono.

Tutto questo vicino alla propria confortevole casa, quindi tutta la famiglia potrà aiutare nei lavori, ma sempre potendo rientrare a casa velocemente, per i bambini sarà un gioco aiutare i genitori nei lavori ma con il tempo diventerà un lavoro fatto con passione e potrà essere il lavoro per il futuro,  perché dopo anni passati in libertà, la vita in una fabbrica o in un ufficio sembra impensabile.

Chi vive e lavora in campagna di certo non può essere una persona solitaria, perché vige il proverbio “l’unione fa la forza”, in quanto bisogna aiutarsi reciprocamente nei momenti di bisogno, magari nei giorni di maggiore raccolto, nel momento della vendemmia o durante una meritata vacanza.

Commenti

Lascia un commento

La tua email non sarà resa pubblica.

MENU